INTERVISTA A EVA

Quinto appuntamento del nostro giro di interviste ai membri dello staff di InCorto. Oggi scambiamo quattro chiacchiere con Eva, una delle new entry del team.

Allora Eva, correggimi se sbaglio, ma questa dovrebbe essere la prima edizione nella quale sei parte integrante dello staff di InCorto. Come ti trovi all’interno del gruppo?

Non ti sbagli! Sono da poco entrata a far parte della squadra di InCorto e uso la parola squadra proprio perché è quella la sensazione che ho avuto fin da subito. Una bella squadra in cui mi sono subito sentita a mio agio e ho potuto lavorare molto bene. C’è stata una certa intesa professionale e un’intesa immediata su come svolgere il lavoro.

Con Associazione Civico 2 sei impegnata in diversi laboratori su tematiche culturali differenti nelle scuole dell’abbiatense-magentino. Potresti dirci più nel dettaglio di quali progetti ti stai occupando e quali sono gli istituti coinvolti?

Al momento mi occupo dei laboratori InCorto, insieme a Davide, presso le scuole medie e gli Istituti superiori dell'abbiatense-magentino, come già giustamente da te ricordato, e del progetto Recordis, insieme a Davide, Giangi e Luca, presso la scuola media di Rosate.

Due bei progetti molto stimolanti anche per me che tengo i laboratori. Seguire i ragazzi e le ragazze nella realizzazione di un cortometraggio con InCorto e di un progetto che coinvolge anche la creazione di una mostra fotografica come il progetto Recordis, mi riempie di curiosità.

È davvero interessante entrare nel mondo di questi studenti e vederlo espresso in termini artistici, di produzione video e fotografica. Mi aiuta a tenermi aggiornata e mi fa venire una matta voglia di tornare a casa e prendere in mano la macchina fotografica.

L’ambito lavorativo dal quale provieni è di matrice culturale. InCorto è una rassegna cinematografica… quanto ti “senti a casa”, professionalmente parlando?  

Mi sento a casa e contenta di esserlo. Il mio lavoro è di matrice culturale e sono anni che mi divido tra la parte organizzativa e quella più creativa. Non riesco a fare a meno ancora né di una né dell’altra.
Oltre alla produzione fotografica e video sia per passione che lavoro, scrivo anche di cinema da diversi anni, quindi poter unire tutte queste anime nello Staff InCorto è come stare ad una festa di compleanno.

Hai già visionato qualche cortometraggio pervenutovi tramite candidatura?

Ho iniziato a visionare insieme a Davide, mio compagno di merende, i cortometraggi che stanno arrivando dalle scuole. Devo dire che sono trepidante, perché abbiamo seguito i ragazzi e le ragazze nella realizzazione del corto in termini di soggetto, storyboard, sceneggiatura, tecnica di riprese, ma poi i ragazzi se la sono cavati da soli, nel girare effettivamente il cortometraggio, con smartphone e videocamere degli Istituti.

Quindi come una bimba la mattina di Natale, non vedo l’ora che arrivino tutte le riprese per vedere effettivamente come i ragazzi hanno svolto il lavoro.

Per il momento sono davvero contenta di quello che ho visto e soprattutto del fatto che le classi si sono divertite molto a farlo e questo credo sia già una grande vittoria.

Nel tuo, immagino poco, tempo libero quali sono le attività che ti piace svolgere?

Effettivamente il tempo libero non è molto. Però mi piace fare attività sportiva, anzi stando spesso seduta alla scrivania o a guidare è assolutamente necessario per la mia schiena.

Adoro gli sport da combattimento, pratico Kick – boxing, K1, ma non temete perché sono buona come il pane.

Grazie Eva, è stato un piacere.

Grazie a te, vi aspettiamo tutti alla serata di premiazione sia del concorso scuola che di quello nazionale.

Saremo tutti elegantissimi e smaglianti.

Condividi l'articolo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to top